Gentile Dottore,

sono una donna di 58 anni, soffro da circa 20 anni di coxalgia anca dx su base coxartica in verosimili esiti di episiolisi in giovane età, la mia gamba dx è più corta di 2,5 cm e soffro ogni tanto di dolori forti che mi passano con Voltaren 50.

Mi è stato consigliato l'intervento di protesi anca, ma io ho paura.

Ci sono cure anternative tipo le infiltrazioni di acido jaluronico?

Se dovessi fare l'intervento presso il vs. ospedale quanto dovrò aspettare?

Sentitamente ringrazio, e porgo distinti saluti.

Teresa, Torino  

 

Risponde il dottor Gabriele Cattaneo

L'intervento di protesi d'anca è al giorno d'oggi considerato di routine. Esistono poi modelli di protesi a bassa invasività ossea che permettono un conservazione sempre maggiore del proprio osso e un recupero funzionale molto rapido.

Nel suo caso, trattandosi di un esito di epifisiolisi con accorciamento dell'arto trovo inutile l'utilizzo di viscosupplementazione.

Bisogna analizzare il suo caso in base alla documentazione.

Cordiali saluti

 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Con una tua donazione,
puoi sostenere il nostro
impegno per la ricerca.

archivio

GAP II

GAP II è un sistema per l’archiviazione di dati clinici e chirurgici di pazienti sottoposti ad interventi di chirurgia protesica di anca, ginocchio e spalla.