Mia moglie R. (43anni) deve sottoporsi ad intervento di protesi all'anca.

Purtroppo l'attuale stato delle cose evidenzia la necessita di intervento su entrambe le anche.

Sarebbe di nostro interesse sapere se le tecniche mini-invasive di intervento con accesso anteriore, di cui abbiamo trovato cenni in internet, hanno un grado di affidabilità accettabile.

Il breve decorso post-operatorio è il fattore che ha colpito il nostro interesse.

Grazie in anticipo per la cortese attenzione.

 

Andrea, Alessandria

 

 

Risponde il dottor Stefano Tornago

Più che la via di accesso, anteriore, laterale o postero laterale, per un recupero più veloce è importante il rispetto dei tessuti.

Nel nostro centro pratichiamo quasi esclusivamente la via postero-laterale ed alcuni pazienti eseguono i primi passi già dopo 6 ore dall'intervento chirurgico, tutti il mattino del giorno dopo.

Per quanto riguarda l'affidabilità dipende dall'esperienza del chirurgo.

 

Distinti saluti Dott. Stefano Tornago

 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Con una tua donazione,
puoi sostenere il nostro
impegno per la ricerca.

archivio

GAP II

GAP II è un sistema per l’archiviazione di dati clinici e chirurgici di pazienti sottoposti ad interventi di chirurgia protesica di anca, ginocchio e spalla.