INTRODUZIONE

E’ un dato ormai acquisito il costante aumento degli interventi di revisione,16 che nella nostra casistica, in riferimento all’ultimo anno, rappresentano il 27% del totale degli interventi protesici a carico dell'anca. (Fig.1) Questo incremento riconosce almeno due ragioni prioritarie: da un lato la crisi degli impianti cementati a medio e lungo termine, dall'altro l'insuccesso precoce di tutta una serie di impianti non cementati. Il fallimento di questi ultimi é a sua volta determinato da un insieme di fattori quali errori di indicazioni, di tecnica chirurgica e talvolta cattivo funzionamento biomeccanico della protesi stessa.

L’esame della casistica ha messo in luce, tra l’altro, due dati che ci appaiono particolarmente significativi. Innanzi tutto il costante aumento delle revisioni plurime4,17 come evidenzia la tab. I. Altro dato interessante ed inatteso é l’età media dei pazienti che giungono alla revisione: 64 anni (min. 23, max. 88, dev. standard 10,8; mediana 66), ciò significa che il 50% ha un età inferiore ai 66 anni e solo il 10% ha età superiore a 76 anni.(Fig. 2)

Risulta pertanto evidente come il problema della riprotesizzazione sia di estrema importanza e attualità e richieda l’utilizzo di specifiche tecniche e di materiali protesici espressamente progettati per questo tipo di chirurgia. In tema di revisioni, ed in particolare riguardo alle riprotesizzazioni di stelo, la conoscenza dei meccanismi di formazione dei difetti ci consente di perseguire un duplice obiettivo:

  • La prevenzione primaria attraverso la scelta di modelli protesici che, in base alla tecnica chirurgica e alle indicazioni adeguate, consentano la conservazione del patrimonio osseo.
  • La prevenzione secondaria ovvero la revisione precoce di quelle protesi che sono destinate all’insuccesso.

Qualora giungano alla revisione casi in cui il difetto osseo femorale si sia già instaurato, ci pare importante che questo possa essere definito e classificato in funzione del sistema protesico più opportuno per il reimpianto.


Con una tua donazione,
puoi sostenere il nostro
impegno per la ricerca.

archivio

GAP II

GAP II è un sistema per l’archiviazione di dati clinici e chirurgici di pazienti sottoposti ad interventi di chirurgia protesica di anca, ginocchio e spalla.